Libera Accademia Aldo Bargero Libera Accademia Aldo Bargero

L'Agricoltura Biodinamica nacque formalmente nel 1924 a seguito di un meeting organizzato da agricoltori tedeschi i quali invitarono Rudolf Steiner, filosofo, ricercatore e fondatore dell'Antroposofia, a divulgare le prime sperimentazioni con le quali veniva cercata una risposta ai problemi emergenti dall’agricoltura chimica allora incipiente.

Libera Accademia Aldo Bargero
“presentazione"

L’agricoltura biodinamica nasce nel 1924, non in virtù di un movimento filosofico ma per le necessità pratiche di un gruppo di agricoltori. L’agricoltura convenzionale era appena iniziata e già si notava che la terra stava perdendo vitalità.

Si osservò per esempio che i campi di erba medica non duravano più di 3 anni, i cereali perdevano il contenuto di silicio ed i principi nutritivi, le sementi non erano più germinative. Venne richiesto l’aiuto ad uno scienziato dell’epoca: Rudolf Steiner.

Dai principi, dalle tecniche e dalle indicazioni da lui esposti si sviluppò il metodo biodinamico che considera l’agricoltura un organismo complesso i cui fattori fondamentali, cioè il terreno, le piante, gli animali e l’uomo non possono essere considerati separatamente.

Rudolf Steiner fornisce un’indicazione precisa: “la terra che calpestiamo deve essere considerata un organismo vivente”. Essa si trova a vivere nell’alternanza delle stagioni, della notte e del giorno, all’interno di un ritmo cosmico e si occupa di nutrire le piante.

Compito dell’agricoltore è quindi di nutrire la terra per favorire questo processo vivente oltre che a produrre cibo sano. L’obiettivo è risanare la terra attraverso una corretta concimazione organica che avviene con l’utilizzo di un composto adeguatamente preparato e arricchito con i preparati biodinamici che collaborano con la presenza attiva dell’humus.

Secondo l’agricoltura biodinamica l’organismo aziendale ideale è un sistema a circolo chiuso e autonomo, che si ispira ai seguenti principi pratici: bestiame in quantità limitata, sana rotazione delle colture (alternanza di piante che arricchiscono e impoveriscono il terreno), ottenimento di un terreno vitale.

All’interno dei seminari che si svolgono all’Accademia “Aldo Bargero” il Dott. Enzo Negrisolo trasferisce ai futuri insegnanti i principi cardine dell’agricoltura biodinamica, dalla preparazione del “compost ai preparati biodinamici, alla preparazione dell’orto e alla cura del giardino.

Così si viene a comprendere come la vita delle piante sia in stretta relazione con l’ambiente, nel senso più ampio della parola e vengono approfonditi a livello conoscitivo con lo studio delle conferenze di Rudolf Steiner contenute nel libro “Impulsi scientifico-spirituali per il progresso dell’agricoltura”.

Senza amore non è possibile giungere ad alcuna conoscenza dell'uomo che possa essere base a fondamento di una reale arte pedagogica. (Rudolf Steiner 1861-1925)